Piazza Armerina. Vandalizzata opera dei migranti

Vandalizzata l’installazione realizzata a Piazza Armerina, nell’Ennese, per i migranti dall’associazione Don Bosco 2000 in occasione della Giornata mondiale del rifugiato. L’opera, dal titolo ‘Nessuno si salva da solo’, era stata realizzata dai migranti: decine di mani di ragazzi africani chiedevano aiuto uscendo dalla superficie del mare.

Un’installazione che, da un lato, vuole ricordare le migliaia di vittime migranti annegate nel Mediterraneo e, dall’altro, pone l’attenzione sulla solidarietà del popolo italiano che da anni accoglie migliaia di ragazzi e ragazze migranti in fuga dalla guerra e dalla povertà. Qualcuno, però, nei giorni scorsi ha spezzato le dita delle mani raffigurate nell’opera.

“È un gesto immondo fatto con macabra lucidità – dice la coordinatrice del Sai, Samantha Barresi -. Non hanno distrutto l’intera installazione ma hanno tagliato le dita. Come dire ‘morite ed affogate nel mare a noi non importa nulla’”.  “Profondamente deluso” anche il presidente dell’associazione Don Bosco 2000 Agostino Sella. “Lavoriamo da anni per l’accoglienza e l’integrazione dei ragazzi più poveri senza risparmiarci un solo minuto – dice -. I nostri operatori lavorano ogni giorno come se la loro fosse una vera e propria missione. Non ci arrendiamo alla sottocultura del populismo e alla malvagità del razzismo. Sono convinto che si tratta di un atto isolato. Piazza Armerina è una città accogliente. Mi auguro che le istituzioni e la politica tutta prendano le distanze da questo folle gesto e che gli autori di questo ignobile atto vengano puniti dalla legge”.

Immediata la presa di posizione del sindaco Nino Cammarata. “Esprimo la mia più totale condanna a un gesto inqualificabile che manifesta ignoranza e disprezzo della vita – dice il Sindaco commentando l’atto vandalico si danni dell’istallazione realizzata per i migranti -. Siamo già a lavoro per l’identificazione dei responsabili. Un messaggio di solidarietà fraterna all’associazione ‘Don Bosco 2000’ e a tutti gli uomini e le donne che ne fanno parte”.

Redazione – Henna Post

Leave A Reply

Your email address will not be published.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy